Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 5) — Venezia, 1791 [Cicognara Nr. 3-5]

Seite: 448
DOI Seite: 10.11588/diglit.28024#0456
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1791bd5/0456
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
448 S Α G G 1 O

il che in tutto si discorda da quello che
dice apertamente lo Storico.

Ma ciô, che a mio giudizio leva ogni
dubbietà e taglia la quistione, si è que-
sto: rotte ch’ebbero i Romani le due prime
schiere di Annibale, restava da superare la
terza la più valida di tutte, che ancora ri~
maneasi intera , e dove trovavasi l’istesso
Annibale in persona. Che fa Scipione? fa
sonare a raccolta per richiamare gli asta-
ti, che inseguivano tuttavia i fuggitivi; gli
colloca dirimpetto al centro di questa ter-
za schiera ; fa serrar gli ordini a’princi-
pi e a’triarj sull’una e l’altra ala, a destra
cioè e a sinistra ; gli fa ire innanzi; e co-
me e’furono, dice Polibio, sulla medesima
fronte di pari cogli astati, ecco ch’egli dà
dentro alla terza schiera , e fa ragione in
tal modo di compir la vittoria (1) . Dove

è da

(î) OtJ μάν άχλχ tÙs su,îu τραυματΐχς hs τατησω
tÎjs πχρχτάζίκς χ,ομιζόμζι/os , tÌss S'è ίιωχοντας των
άς-άτων άναχχλίσάμενοί ìiù tÌìs auKiriyyos, τάς μιν
uuTt τΓρο TÎjs μύμμις κχτχ μςίσχς -rùs ιτο'κιμι'<ss ιπι-
ς-ησι · tÌss S'ì Tpiyx-iTxs xcci Tpiupms πυχνωσχς ιφ
ιχάτιρον τό yJpxs , irpoàyev Trxpuyytiht S'ix των

vi-
loading ...