Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 32
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0040
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0040
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
53 V I A G G i

per l’ultimo trattato con la Danimafóa pa-
gano anch’ essi, che altre volte non paga-
vano ; mille Olandesi, i quali da' loro ma-
rosi vanno nel nord a cercar tavole ferro
pece canape grano, quasi ogni cosa che è
necessaria alìa vita ; tre o quattrocento in-
glesi ; tre o quattro francesi, non più ; al-
cuni pochi di Lubecca, città ora molto de-
caduta dalLantico suo splendore; alcuni di
Danzica, che fa ancora qualche fìgura; e
due o tre russi, i quaìi non molti anni
fa, simili agli Americani, ponevano la nau-
tica tra le arti d’un altro mondo

JNTon lungi dalla nostra nave ha dato fon-
do questa mattina un vascelìo appurxto di
quella nazione con un grosso corpaccio al-
la olandese, il cui padrone è russo, e rus-
sa è pure tutta la ciurma, a quello che
ci ha detto il capitano della fregata dane-
se, uomo molto pulito, e molto instrutto
deìle cose di questo emisfero boreale. Non
posso dirle il piacere che io sento, My-
lord, a veder questi nuovi oggetti, che mi
sanno credere di essere come trasportato
in un altro mondo. Gi siamo qui rifatti
con buone provvisioni, e a casa il conso-
loading ...