Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 41
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0049
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0049
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I Russxa. 41

lena : a mezza notte bellissimo sole ; si può
almeno dire: a mezza notte bellissimo chia-
ro. E senza tali notturni chiarori saria im-
possibile navigare questi mari stretti, e spar-
si in oltre qua e là d’isole di banchi e di
scogli. Qual differenza tra le pianure am-
pie ed immense del loro oceano, e le an-
gustie di questo Baltico, dove ogni giorno
ti si presenta nuova terra ! II che se è di-
ìettevole per il bel tempo, fa per il catti-
vo strignere i denti. E le so dire, che da
novembre a aprile ben poche navi ardisco-
no avventurarsi in quest’acque.

II giorno quindici ci trovammo all’altu-
ra di Revel, non pensando punto di sbar»
care in questa capitale dell’Estonia ; co-
me, per arrivare di buon’ora in Russia ,
non isbarcammo neppure nella capitale del-
ìa Danimarca , che certo ne faceva tutt’al-
tro invito . Quando un buon venticello di
Sud-ouest, che ne gonfìava la vela , ven-
ne in un subito a cadere .

II mare , e questa nostra vita umana
Non hanno cosa lunga ne sicura t
U allegrezza e ìa speme è cosa vana ,
JYè mai huon tempo lungamente dura -

E così
loading ...