Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 42
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0050
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0050
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
42 Y I A G G ì

E così in vece di quel grazioso sud-ouest,
prese d’indi a non molto a sofsiare con un
impeto iacredibiìe un nord-est, che ci git*
tava dirittamente sulla eosta ; e che costa I
Dio ne guardi ogni fedel navigatore . Buo-
no adunque per noi, che questo Bevel 1 o
avrevamo ancora in faccia . Ne ricevè egli
dentro al suo seno, non senza tema di
dare in certi scogli, che fan corteggio all’
isola di Ulfsoon , che ne è ali’imboccatu-
ra . La nebbia non ce gli lasciava distin-
guere ; e noi non ce ne fummo accorti >
che nel rasentargli.

Object.ce salsa spumant aspergine cautes.

Qui adunque demmo fondo jeri alle sette
ore a un miglio circa dalla città . II toz-
mento fu tutta notte grandissimo, essen-
do questa spiaggia, più che da altro ven-
to, battuta da questo maladetto , al quale
per altro essenclo io in porto , diceva co-
me quel paladino :

Sosfia pur vento , se tu sai sosfiare .

Graziosissimo è il moclo, con cui an-
dammo a terra. Nelle fortune cli mare lo

schifo
loading ...