Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 46
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0054
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0054
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

46 V I A & G

to qui in Rèvel, che è il nostro antiqua-
rio, vedendomi fermare di tanto in tanto
a contemplar questi soldati, mi disse s qua*
si come Yirgilio a Dante :

Non ti curar dì lor, ma guarda e passa ;

che a Petroburgo veduto ben avrei altra
soldatesca .

Ci piacque ancora oltremodo di veder
ì’ammiragliato, che è qui ; dove però si
racconciano soltanto , e si carenan le na-
vi, non si fabbricano . Capo di esso è urs
certo Oliver inglese , buono architetto na-
vale , a quel che dicono . Di parecchie in-
struzioni ci è stato egli cortese per il re-
stante del nostro cammino . Yengono moh
to al nostro uopo ; perchè de’marinaj che
sono a bordo un solo ha navigato il Ralti-
co ; e questo nostro Palinuro > tra per ia
età e per l’acquavite, è quasi smemorato;
e le carte marine non le troviamo esatte
gran fatto . Alcune instruzioni ce le ha
date ancora il capitano di una fregata,
che è sempre di guardia a Revel. Questo
fu il primo vascello da guerra russo , che
io vedessi in vita mia. JNcn lia invidia a

un
loading ...