Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 47
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0055
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0055
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I R IT S S I A « 47

im inglese ; e fa nna assai bella vista la
divisa, di che sull’andare di quella deJ
soldati, sono anche qui rivestiti i mari-
naj', egualmente che in Danirnarca.

Non ostante i vascelli da guerra F am-
miragliato il presidio le fortisìcazioni i can-
noni, questo popolo bendice il governo ;
e forse è il solo, che il faccia . Ma ve-
ramente egli ha di che . Tutti i privilegj ,
di che godeva quando sotto il regno di
Carlo XII. su sottomesso dalla Russia, non
solo furo.no aìlora confermati , ma ven-
gono presentemente mantenuti : e quegli
scrittori di Livonia, che altre volte non.
fecero il panegitieo de’Russi, avriano ben
ora da cantar la palinodia . Non hanno
qui, per cos'x dire , gravezza alcuna . La
principal rendita deìl' imperio in queste
parti la si ricava da certe terre chiamate
delia corona, e che altre volte appartene-
vano alla Svezia, Si governano con le pro-
prie leggi ; e sono quelle di Lubecca ; poi-
chè Revel un tempo era tra le Anseatx-
che . Conserva ancora una compagnia di
soldati sua propria, che la notte tramez-
zati co’Russi fanno la ronda della città »

Quì
loading ...