Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 64
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0072
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0072
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
r

64 "V I A G G

fxume e il canale di Cronstat, per uscirne
e mettere in mare, ci vuole un vento di
levante per appunto ; e sogliono in questi
mari quasi tutta la estate regnare i ponen-
ti. Aggiungi, che le navi fabbricandosi a
Petroburgo, conviene dipoi condurle giù a
Cronstat; e ciò non può farsi, che con pe-
ricolo ed ispesa grandissima. Tra Petrobur-
go, e Peterhoff, casa di delizia del Czar
posta sul Neva, ci è un basso fondo nel
fiume: non ci ha che otto piedi di acqua;
e non occorre già qui aspettar la marea
che la rialzi, come ne’fiumi, che metton
iiell’oceano. E’dunque forza trasportare le
navi alla foggia olandese con un bel pajo
di cammelli sotto ; clie 11011 è cosa per niun.
conto di picciola faccenda.

Queste considerazioni han fatto, cbe si
pensi daddovero a porre a tali inconvenien-
ti un qualche compenso. Terminata che
sia la presente guerra, si scaverà un gran-
de e profondo canale da Petroburgo per
mezzo a Peterhofs, dove senza l’ajuto dei
cammelli saranno giù condotte Je navi. L’
opera fu già divisata dal Czar, il quale
avrebbe amato vedere i vascelli da guerra

pas-
loading ...