Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 79
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0087
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0087
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
bi'Rttssià.' 79

naro circoli, invitandolo ancora ed attraen-
dolo dal di fuori. Ma ne’paesi, cloye il
lusso non si può nutrire, clie con l’indu-
stria de’forestieri, sono necessarie le leggi
sontuarie, chi non vuol vedere in poco
tempo uscir tutto il denaro dal paese. Co-
sì ha fatto la Danimarca , e la Svezia , il
cui esempio dovrebbe seguitare la Russia.

Beirchè qui ci può essere un lusso non
tanto in voga ne’nostri climi, e al paese
utilissimo. Consiste nelle pelli, di cui pos-
sono andar vestiti due terzi dell’anno . Eì-
la sa, Mylord , che la Siberia, che per
ogni conto è tenuto così maìvagio paese,

Pigris ubi nulla campis

Arbor cestiva recreatur aura ,

fornisce all’Europa gli armellini i zibellini
i lupi bianchi le volpi nere . Ci è tal pel-
le , che per la finezza lunghezza colore e
lustro del pelo monta a prezzi altissimi,
da non credersi ne’nostri paesi : e un pel-
licciere russo ha gli occhi così asfìnati per
distinguere il pelame di un animale, co-
ine gli ha un giojelliere inglese per l’acqua
de’diamanti.

Fan-
loading ...