Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 86
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0094
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0094
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

86 V I A G G

immensa nel norte; dove la corona di Da-
nimarca ne ha uno di rendita ; e non ar-
riva ai due quella di Svezia : massimamen-
te poi in paese, dove niente, si può di-
re , vi ha di cai’O . Nel cuor dell’imperio
il bue , e le altre cose necessarie al vive-
re si hanno per un sesto di quel che fan-
no in Inghilterra. Una galera senza il can-
none non costa allo stato che un migliajo
di rubli ; e basti dire, che un soldato non
riceve in denaro , se non se il terzo del-
la paga che avrebbe in Francia o in Ger-
mania.

Tali sono le rendite dell’imperio; tale è
il nerbo della guerra, con che ora la fan-
no a’Turchi : e ciò senza aver posto sino
al dì d’oggi alcuna novella gravezza. E'ben
però vero, che senza sussidj forestieri non
la potrebbon fare nelle nostre parti di Eu-
ropa, dove il termometro è assai più alto
in ogni cosa. Sarebbe lor forza compera»
re a denari contanti quello , che gratuita-
mente fornìscono le provincie russe, e la
paga del soldato accrescerla di inolto. Tal-
chè, non ostante la disproporzione, che ci
ha dalla Russia alla Danimarca, o alla Sve-

zia
loading ...