Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 87
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0095
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0095
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
B I R U S S I A . 87

zìa , conviene ne’trattati di alleanza con.
essa inserirvi i medesimi articoli aritmeti-
ci, ch’è necessario di fare con quelle.

Ma a chi dico io queste cose? a chi sen-
za uscire d’Inghilterra le sa meglio di noi,
che andiamo correndo i mari; come il suo
Neutono sapeva come era fatta la terra,
prima che i Francesi andassero a misurar-
la in Lapponia. Ella creda , Mylord , che
il piacere di trattenermi con lei è cagione
di queste mie ciarle ; ed Elia sa, che ne’
discorsi amichevoli si condonano anche le
superduità. Mi pare esser certo, che iì pri-
mo corriere mi recherà lettere di lei; e
non sarà giunto mai corriere più aspettato
da me. Intanto Ella continui ad amarrui,
e si ricordi talyolta di me,

----- seu civica jura

Retyondere paras, seu condis amabile carmen.
loading ...