Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 96
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0104
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0104
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
r

96 V I A G G

la fanteria sia il nerbo deiresercito; e so-
giiono nelie giornate fare por piede a ter-
ra alla maggior parte deila cavalleria.

Deile artiglierie poi, suìle quali si è ri-
dotta tanta parte della guerra, ne hanno
sommaraente peifezionata la fabbrica, e raf-
£nato l’uso. Di una enorme grandezza, e
di iiiuna utilità erano altre voite in Ru. sia
i pezzi di artiglieria; similì in certo modo
al paese, che facea gran fìgura suile map-
pe , e non facea mai ie carte. Deii'opera
de’ forestieri abbisognavano altresì, non è
gran tempo, per aver armi da fuoco. Me-
no di 11 n secolo fa , fece venire di Brescia
A1 essio Michelowitz otto mila carabine ,
cbe si conservano ancora neirarmeria di
Moscou . Sono quasi altrettanti codici, che
provano la ignoranza dei Russi a quel tem-
po, i quali nei nostro sono divenuti lette*
rati al pari di ogni altra nazione. A Syster-
beck non lungi da Petroburgo vi è una bel-
lissima fabbrica d’armi, fondatavi da Pie-
tro primo. Dalla parte di Moscou ce ne
sono altresì. Mi diceva un uffìciale, che
l’anno scorso vi fece fabbricare per ordine
delìa corte trentatrè miìa fucili, che, fat*

ta
loading ...