Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 103
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0111
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0111
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
U X B: TT S S I A . io3

qui i venti occiclentali, ed essendo ìl lago
soggetto a furiose burrasche. Donde care-
stia efame: e ciò fu cagione, che quando
ii Czar fondò questa città, vi perisse un
cento mila uomini per difetto di vettova-
glie. A tale inconveniente rimediò il Mu-
nich, perfezionando lungo le rive del lago
il canale interno, già incominciato dal Czar,
che dal Yolcova mette neì JNeva, per cui
le barche arrivano la state con la regolari-
tàmedesima, che i’inverno le slitte. E ben
egli meriterebbe una iscrizione simile a quel-
la, che leggesi sopra una delle porte di
Parigi : ABUNDANTIA PABTA .

Ella si conservi, Mylord, col sottile suo
vitto di pudding e di latte, che le forni-
sce in copia il suo bel parco di s. Jaines;
e eol prossimo corriere aspetti la risposta
ali’altra domanda, che mi fa la gentile sua
lettera.
loading ...