Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 108
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0116
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0116
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ìo8 "V I A G G I

trebbe anche esser colorito, se da ultimd
sono felici i successi della guerra presen-
te. Entrando dalla Moldavia nella Polonia
potrebbono i Turchi maggiorinente osfen-
dere la Russia : tantò più, che da quella
parte avrebbono assai più comodità di vet-
tovaglie e di viveri, che dalla parte di
Oczachow . Se non che i Polacchi sostenu-
ti dall’esercito russo sarànno sempre con-
tro gl’infedeli; nè dai Moldavi, greci di
religione, saranno essi favoriti e seconda-
ti, se non a mal in corpo. Oltre di che,
Kiovia, piazza importante secondo quei pae-
si, signoreggia da quella banda e difende
la grars. humana del Boristene, che con-
vien pur 23assare per penetrare in Ucra-
nia: e questa provincia soinministrerà sem-
pre a’Piussi tanti mezzi per far la guerra,
che in ogni modo avranno essi sempre il
vantaggio sopra i Turchi.

Della Polonia non parlo , la quale ri-
sponde verso il ponente della Russia. Un
paese che non ha milizia, non ha piazze,-
nel cui governo ci vuole la Unanimità di
tutta ia dieta per fare una ìegge, e una
sola proposizione, qualunque siasi, che noii

passi s
loading ...