Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 110
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0118
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0118
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1 1 O VlAGGt

5) co’iniei Cosacchi;, e farò man bassa so»
•»' pra quanto vi ha in Finlandia di uomi-
5) ni donne e ragazzi . Così per lo vero
5) Dio non avrai più. neinici in quel pae-
5) se. Ne faremo un deserto, che vale per
3) dieci fortezzea. Tale è la politica orien-
tale, come Ella saprà , Mylord . Ma Ella
saprà ancora, che grandissima facilità ha
ìa Russia per far la guerra alla Svezia; grau
diffìcoltà all’incontro la Svezia per farla al-
la Russia ; lasciando andare la maggioran-
za dell’una sopra dell’altra. Le diffìcoltà
della Svezia sono il non potere far magaz-
zini o canove di vettovaglie in Finlandia ,
paese sterilissimo , dove gli abitanti vivono
della scorza degli alberi mescolata con pa-
ne, e alcuni anni della pura scorza ; il
non poterne far passare dalla Estonia e dal-
la Livonia, poichè al primo odore di guer-
ra i Russi leverebbono agli Svezzesi le trat-
te del grano ; non poterlo fare dalla Polo-
nia senza grande apparato di navigli, il che
non può stare occulto, e potrebbe sacil-
mente esser impedito ,* dover similmente
passare il mare essi medesimi per aver 1
esercito in Finlandia, e non ci aver qui»
loading ...