Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 111
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0119
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0119
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
»1 R. U S S I A . 111

vi piazze di conto . A1 contrario le facili-
tà della Piussia sono , lo avere da quella
parte Yibourg, piazza ben fortilicata e mol-
to importante ; il paese della Carelia con-
sin'ante alla Finlandia, rotto qua e là tìa
laghi da paludi da boschi da passi stretti ,
attissimo a un bisogno a tirare in lungo la
gueri’a : dietro e da’lati paesi fertilissimi,
onde agevolmente sostentar 1’ esercito , e
buon numero di galere sempre in pronto,
con che molestare da ogni banda il nemi-
co , e portargli la guerra sino alle proprie
case al modo di Scipione. Che se gli Svez-
zesi, come anche iDanesi, a cagione del
loro commercio superano i Russi neila for-
za di una grossa armata navale ; e i Russi
supereranno gli altri nella qualità e nume-
ro clelle galere , che si vogliono quasi ri-
porre tra le forze terrestri. E adunque da
credere , malgrado i romori che corrono ,
che molto ci penserà la Svezia ad irritar
la Piussia, e a romper la guerra : e se il
fa, corre gran risico di perdere in picciol
tempo i vantaggi, che ha ritratto grandis-
simi dal tempo della pace d’Aland in qua.

Ma se la pace è da desiderarsi per la Sve*

zia ,
loading ...