Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 113
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0121
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0121
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
T) I R II S S I & . i

essere eosì popolata, come la Francìa, quaii'
do in grandezza la supera ben venti volte »
Pare , che dovessero i Porssi fare ogni
©pera per popolare il paese . Condurre in
Ucrania, la miglior provincia dell’imperio
e dalla presente guerra devastata, condur-
vi colonie di Ostiachi cli Samogedi, e di
altri popoli settentrionali quasi inutili alF
Imperio , sarebbe pericoloso . Yi potreb'bc-
no forse con la loro picciolezza e sparutez-
za guastar la razza clegli uomini. II meglio
sarebbe comperare delle famiglie tartare,
e allettarvi i Greci abitanti della Moldavia
e Valacchia, i csuali riguardando la Russia
come il capo dell’imperio greco, vi corre-
rebbono a gambe. Accresciuta la popola-
zione si potrebbe pensare a perfezionar 1’
agricoltura in un terreno, che rispondereb-
be con usura alle fatiche del lavoratore ;
ed intrattenere nel medesimo paese nume-
rose greggie di pecore, onde non aver bi-
sogno della lana, e clell’opera cle’ forestie-
ri a vestire i proprj eserciti. II lavoro del-
le miniere non sarebbe allora in gran par-
te trascurato, come lo è presentemente per
difetto di mani. Abbondantissime son quel-
To: YI. H le
loading ...