Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 130
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0138
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0138
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

4 5 O V I A G G

rietorri, che furono altre volte scoslio dell'
armi russe. Era quivi a difesa il Kam con
tutte lesuegenti, a cui erano, quasi con-
trafsorti nel muro, alcune compagnie di
turchi spahì, e giannizzeri. Fatto sembian-
te di attaccar le linee da una banda, le
assalì il Munich dall’altra, e agevolmente
le superò. Prima di penetrare addentro nel
paese, fece sotto la condotta del Leontefs
un grosso distaccamento yerso Oczachow,
perchè non gli fossero alle spalle i Tarta-
ri del Budziac, e i Turchi, che già inco«
minciavano da quella banda a far qualche
moto. Prese il Leontesf Kinburno, piccio-
3a fortezza posta sul Boristene in faccia di
Oczachow; nel mentre che il Gran-visire
accampato sul Danubio rinforzava di mu-
nizioni e di presidio Bender e Oczachow,
osservava i moti de’Tedeschi, che fatta la
pace con la Francia, sotto colore di porre
le lor genti in comodi quartieri, formava-
no un esercito in Ungheria, provvedeva in
somma alle frontiere dell’imperio verso crf-
stianità.

Entrato il Munich nella Crimea, prese
Koslow posta sul mare, città ricca e mer*

can-
loading ...