Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 141
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0149
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0149
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I R U S 5 1 À . l4i

di eabbionì e delle altre cose necessarie ?

O

che portava la ilottiglia, la quale non ar-
rivò che quindici giorni dopo ìaresa. Cau-
sa della resa fu una bomba, che fe’pioin-
bare la ventura del Munich sopra un ma-
gazzino di polvere : e col favor del disor-
dine, che cagionò il fuoco dentro alla cit-
tà, l’assalirono acremente, e vi entrarono
i Russi. Fu prigioniero di guerra il presi-
dio col seraschiere, che il comandava ; e
vogliono, che in quella occasione perisse
ogni frutto della disciplina europea recata
in Turchia dal Bonneval, alcune compagnie
di cannonieri, che sotto alla sua scuola si
erano formati. Nell’assalto fui’ono feriti il
Levendal e il Keith, che più con l’esem-
pio che con la voce animavano iRussi. Fu
ridotto il Keith a non poter più militare
durante la guerra; Risanò presto l’altro, e
ìa continuò con grandissima sua gloria.

Stette fermo il Munich alcun tempo sot-
to Oczachow, per coprirla dall’esercito tur-
chesco , che avanzava e faceasi sempre più
numeroso sotto a Bender, sino a tanto che
fosse munita cla sostener Fassedio , che,
ritiratosi egli neil’Ucrania per difetto di

vi-
loading ...