Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 147
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0155
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0155
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I Russia. 14f

tlalla dispersione della ssotta del Bredal j
causata da una gran fortuna di rnare. Do-
vea questa recargli viyeri , e secondarlo
neiìo assedio . Si ridusse la impresa della
Crimea in c|uest’anno a spianare la fortez-
za di Precop, e parte clelle linee ; scara-
mucciare al soiito co’ Tartari ; e lasciato un
buon presidio acl Asoph con Donduc-Ombo ,
che mettea terrore a’ Cubàni , andarsene
a’cjuartieri nella Ucrania . Ciò che v’ ebbe
di più singolare ìn questa impresa, fu l’in-
gresso dell’ esercito russo nella penisola .
JNTon entrò già egli nè per la lingua di
Arabat, nè per quella dello Schoungar,
come iì Lascy intendeva di fare ; che i
Tartari ayeano di buon’ora occupato quei
luoghi, e similmente erano da loro beu
guardate le linee delF istmo . Non sapen-
do il Lascy a qual partito appigliarsi ,
gli fu mostrato da un Tartaro , che poco
lungi di là verso Precop si stendeva dalla
terra-ferma alla penisola un tratto di ma-
re cli pochissimo fondo * e soffìando ponen-
te le acque ne erano cacciate assai lungi
verso il mare ; cosicchè assai volte per
qualche tempo riraaneva a secco , Si com-

K 2> mis©
loading ...