Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 149
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0157
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0157
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D1 RuSSlÀ.' 1:4§

Lascy penetrava nella Crimea , intraprem
der Tassedio di Coczino posta sul Niester,
e frontiera del Turco di rincontro alla Po-
Innia.

I Russi non marciarono in Transilvania,.
(avendo così il Lascy,• come ilMunich, bi-
sogno essi di genti; e fu risoluto a Petro~
feurgo d’intraprender l’assedio di Bender.
Dicevano, esser sufhciente tal diversione
ai Tedeschi; così potere i Russi mettere
il giogo a’Tartari delBudziac, non ancora
abbastanza domi; e così non si alìontanare
dalle loro conquiste, e sopra tutto dal Ro-
■ristene Bumeamico, e che per lungo trat-
to correva a seconda col loro esercito .

Marciò adunque il Munich tirando a Ben°
der ; e passato il Boristene, andava con gran
eautela campeggiando quaelà, sempre sul-
le sponde di qualche fiume per la como-
dità dell’acqua e dei foraggi, di che ci è
penuria in quelle bande. Avea l’esercito
jtusso per quei deserti sembianza di un gros-
so vascello in mare, che porta con sè suoi
magazzini, ogni cosa che è necessario, e
il terrore ovunque egli vada. Degli amraa-
ìati quasi niuna cura, meno ancora che sq

K 3 ne
loading ...