Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 159
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0167
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0167
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
:diRussia.j iSg

viene ceduto quel primo antemurale dell’
imperio, che ha costato tanti tesori a cri-
stianità, la fortezza diBelgrado; mentre ri-
maneva pure in piedi un esercito a soccor™
rerla; mentre protestava il comandante po-
tersi ancora difendere, e tenerla per clue
mesi; e rnentre i Russi alleati de’Tedeschi,
de’ quali notr si fa menzione alcuna nella
pace, aveano a vista delFUngheria riporta-
ta sopra i Turchi una vittoria, di cui grart-
dissimi erano già i frutti, e stati anche sa-
rebbono in poco d’ ora vie maggiori.

Ii conte cli Munich alla testa di un eser-
cito di sessantacinque mila uomini, traver-
sata la Polonia, tirava a Coczino. Avea inan-
dato il generale Romanzofs con un grosso
corpo di genti verso Kaminiech frontiera
da cjuella bancla de’Polacchi posta sui Za-
bruch, che poco lungi cli là mette nel Nie-
ster, facendo vista di voler ivi tragittare
il fìume. Egli, messosi alla testa delle gen -
ti più espedite, forzata in clue giorni una
marcia cii quasi sessanta miglia, passò il
Niester al di sopra diKaminiech, deluden-
do i Turchi, che lo aspettavano al di là sulle
rive clel Zabruch dietro a forti trincierainen-

ti
loading ...