Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 160
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0168
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0168
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l6o V I A G 6 r

ti muniti di buona artiglieria. Era II ìoro
esercito forte di quarantamila uomini, e
maggiore era il numero de'tartari loro aju-
ti. Appena inteso esser passato ilMunich,
passarono anch’essi il Niester, e corsero
a coprire Coczino, a cui tendevano i Rus-
si. Opportunissimo era il campo, che scel-
sero, posto sopra un terreno, che coman-
dava in gran parte la campagna : aveano
alle spalle Coczino, alla fronte un Jhumi-
eelìo, che impaludava qua e là; la diritta
era difesa cla alture, e da folti boschi da
esso loro occupati ; e un gran burrone as-
sicurava la sinistra, a cui non potevasi ar-
rivare, se non per iscoscesi sentieri ed istret-
ture. Aveano in oltre ben munito il cain-
po di trincieramenti, e di artiglieria. AI
che fare avea dato loro il tempo il Mu-
nich, al quale convenne aspettare alquan-
ti dì per esser raggiunto dal Romanzoff,
che menava i bagagli e le grosse artiglierie
dell’esercito e fu nel caminino ritardato
dalla fiumana, che avea menato giù i pon-
ti pier esso lui preparati. Conveniva anco-
ra al Munich prender Jingua nel paese ne-
mico, rifar l’esercito di viveri, ben rico-

no-
loading ...