Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 177
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0185
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0185
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
' F"'

d i R u $ s i À» iyj

pene la sortita delle lane dal paese. Ha
fondato in oltre un gran magazzino di la^
na , donde se ne avanza a’ poveri operaj ,
che non hanno il modo di comperarla ; ed
essi poi la scontano in tanti lavori per con-
to del re . Avanti ch’egli desse ricovero a
Stanislao in Konisberga, provvedeva in gran
parte la Russia di panni ; ma dopo quel
f-atto , arbitri son divenuti di quel traffìco
i suoi compatrioti.

Che le dirò poi , Mylord , del Principe
reale tanto amico delie Muse ? Appresso a
lui noi stemmo nel suo palazzo di Reins-
berg molti giorni, che mi parvero poche
ore. Furono da noi vedute le sue virtù
da privato . Quando egli salirà sul trono ,
ammirerà, il mondo le sue virtù principes-
che : e vi è gran ragione di credere, che
saranno da lui cercati gli uomini grandi
eon quello stesso ardore , che sono cerca-
te dal re suo padre le grandi persone .

Da Reinsberg posto non lungi da Fer-
berlino , dove seguì la famosa giornata tra
il grande Eiettore e gli Svezzesi , noi pas-
sammo in Hamburgo . II paese , che è tra
due , è tutto sabbia , simile a quello , che
To: VI. M tra-
loading ...