Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 178
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0186
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0186
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

IJ S V I A G G

traversammo partiti di Danzica . HamLur-
go , che nell’origine sua prima non fu al-
tra cosa, che un forte eretto da Carlo Ma-
gno contro a’ barbari del norte , è per Ia
Germania nel presente stato di cose quel-
3o , che era altre volte Ausburgo ; voglio
dire Temporio delle merci indiane, o orien-
tali, che ora trasportano in Europa gl’ In~
glesi e gli Olandesi, come già un tempo
i Veneziani . Ma che parlo io a un ingle-
se di Hamburgo , pieno d’inglesi, e a po-
che miglia si può dire da Londra , atteso
la odierna navigazione ? Le dirò io forse ,
che è ricchissima questa città ; che ha da
trecento navi mercantili in mare, una na-
ve da guerra ; che ha buona parte nella
pesca della balena, un gran traffìco in Por-
togallo e in Ispagna ; e che qui fanno sca-
]a le tele , che in sì gran copia vanno di
Slesia in America ? Le dirò piuttosto, che
qui ci aspetta da qualche tempo il nostro
vascello , che per ordine di mylord Balti-
more doveva da Danzica fare il periplo
della Danimarca per levarci in Hainburgo.
Le dirò ancora , che mi par mill’anni d
imbarcare, e prego , che spiri qoel vapo-

roso
loading ...