Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 206
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0214
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0214
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I

%o6 V I A G G

due-mila anni quello, che per avvenire ce
r.e vuole forse un trenta o un quaranta
mila .

* II Manfredi calcolò, quando quello, che
credevano Anassagora e Polibio, avvenir do-
vesse : e posta una tal quantità d’acqua,
che cade izr pioggia dal cielo, una tale al-
tra, che vada al mare, di cui si sa a un
dipresso la capacità e l’ampiezza, e posta
la proporzione dell' arena all’acqua, che por-
tano i fìuini, di 1. a iy4- quale osservasi
nel Pieno di Bologna, fìurne mezzanamen-
te torbido; trova, che la superhcie del ma-
re si dee innalzare di un mezzo pimle ds
Parigi in 348. auni.

L'Hartsoeker, famoso principalmente per
la scoperta degli vermi spermatici, trovò
anch’egli nelle dighe, bastioni della Olan-
da contro all’impeto dell’Oceano, dei se-
gni manifestissimi dello innalzamento della
superficie del mare; nia nol fece così len-
to, come il Manfredi: poichè posta sa pro-
porzione delParena che portano i fìumi al
mare mescolata coll’acqua, come di i. a 99. ;
vuole, che in un secolo il mare si alzi di
unpiede. Dove per altro, se quello si con-

sidei’a
loading ...