Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 225
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0233
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0233
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ts I C I T E 'À A . 22C

frange e la montuosa costiera di Creta
Era da qualche tempo insorta una graves
contesa tra alcune nazioni di Europa , la
cui decisione si apparteneva solamente ad
Àmore ; ed era involta di non poche dif-
ilcoltà. Andavale ruminando iì Dio tutto-
solitario e ristretto in sò medesimo : e qua-
sì una densa nuvola gli ricopriva intorno
la fronte , con cui egli suole rasserenare
il mondo . Non lo vide cos'r pensoso quelL’
isola, quando ponderava insieme con la
madre i princip} dei romano imperio ; nè
così cruccioso, quando corse in grembo a
Lei, punto dall’ alato serpentello di Ana-
creonte . Molti e varj partiti fra sè rivol-
se il Dio, ora appigliandosi a questo ora
a quello , e poi rigettandoli tutti eonside-
ratili meglio . Prese fìnalmente di convo-
care il suo Consiglio , di comunicar con
esso 1’ assare , e di sentirne il suo avviso,
prima di venire a determinazione alcuna ;
il clie radissime volte, e soltanto negli e-
stremi casi è usato di fare .

Adunque cliiamò la Speranza, amabile
deità, di cui sereno e lusinghiero è il
guardo, clie col dolce suo fiato tiene in
To: VI. P vita
loading ...