Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 230
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0238
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0238
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$2>o CongPlEsso

(lel principato . Essere pertanto sua inten-
zìone che il Consiglio , che convocato egli
avea , veclesse dei modi di confondere per
sernpre i macdhinamenti clella fìagione loro
nemica , e di accordare insieme le parti,
ch’erano in lite ; onde a toglier si venisse-
ro quei più gravi disordini , che fossero
vicini ad insorgere , e lo stato , per quan-
to nella presente diyisione d’Europa far
poteasi , si venisse a ricondurre a’principj
suoi, donde si era troppo allontanato ; tal-
chè nel suo regno altre guerre essere non
ci dovessero , che quelle guerre dolci ed
amabili, che sogliono essere più care del-
le paci, e conducono ad accrescere la fe-
licità de’veri sndditi d’Amore .

Avea più d’una volta in parlando fatto
pausa Amore , e preso lena ; egli , che è
solito espi’imersi in tronchi accenti , e ta-
lora ripone nel silenzio il meglio della sua
eloquenza .

Intesa da queH’Assemblea la volontà del
Dio , chi propose una opinione, chi un’
altra . Chi volea temporeggiare il male,
chi urtarlo . Alcuni erano d’avviso , che
fare non se ne dovesse così gran caso ; ed

altri
loading ...