Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 234
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0242
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0242
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
254 CoNGRESSG

In Italia moltissimi furono i negoziati )
e i maneggi. Erano ivi le gentili persone
divise in due parti grandemente Euna con-
tro deli’altra accalorite. L’una parte era
tutta perduta dietro alie usanze oltremon ■
lane e moderne, e volea in ogni cosa aver
ì’aria, senza eccettuarne lalingua, di fore-
stiero: ali’altra parte putivàno tutte le co-
se, cbe italiane non fossero, toltone per
avventura le fogge del vestire; e nel rigo-
re della favella e dei sentimeuti sosteneva
a tutto potere 1 antico decoro della patria.
In ultimo, come fu volontà del cielo , vin-
se dopo molti contrasti Ia parte migliore;
e tra tutte le donne d’Italia fu trascelta
madonna Beatrice versatissinia nellà dottri-
na amorosa degli antichi scrittori, e nella
scienza di pàscer di vento i suoi cavalìeri,
e di confortargli al maggior uopo con pre-
senti di vecchie settucce, e di fiori appas-
siti.

Partirono adunque le tre Dame, al cui
senno e valore un tanto affare era commes-
so. Del viaggio di milady Gravely ne fece
a mala pena un cenno la gazzetta di Lon-
dra : ixl Pariai la maninconia non crebbe

pun-
loading ...