Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 236
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0244
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0244
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
236 Co.NGRESSO

re, il quale, sorgendo da una piaceyole co-
sta, signoreggia d’ogni intorno la campa-
gna ed il mare .

Milady Gravely aveva una vesta di moer-
re di un bel bianco argentino con le ma-
niciie corte e larghe, e tutta assettata allo
imbusto ; un fìnissimo grembiule innanzi,
e una cuflia piramidale in capo. Le tene-
va compagnia un giovane suo fratello ; il
quale durante il cammino s’era quasi sem-
pre tenuto in disparte a leggere ii Tacito
di Gordon, e il viaggio per Ia Grecia del-
lo Spon; e a ogni patto avrebbe voluto pri-
raa d’approdare a Citera, visitare ii pro-
montorio di Azio, e le rovine di Nico-
poli.

Madama di Jasy avea tanto rossetto sul
viso, che gli abitanti di Citera la si mostra-
van l’uno all’altro, come una nuova cosa;
e d’acqua di lavanda con altri gi'ati odori
tutta oliva. L’andrienne aperto, ch’era di
un tafsettà color di paglia graziosamente ri-
camato a horetti d’argento, e la corta sot-
tana non impedivano il veder parte della
jneglio tornita gamba, che abbia veduto la
Francia da Gabriella in qua. A lei da la~

to
loading ...