Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 237
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0245
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0245
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I C I T E R -A » 23^

£0 erano tre o quattro zerbini. Ella posa-
va la mano sul braccio dell’uno, sorrideva
a questo, accennava a quello ; ed essi an~
davano con di bei saltellini lor passi intrec-
ciando: e, secondo che venivano scorgen-
do le delizie di quell’isola, mettevano to~
sto in campo Bagnolet, o Marly , e trova-
rono gli abitanti di Citera forestieri in Ci-
tera.

II guardinfante di madonna Beatrice era
più ampio alrneno due spanne di quello di
madama diJasy: la sua ouffia a più doppj'
era intessuta di nastri ricchissimi ; i suoi
capelli erano studiosamente inanellati, e
mezzo coperti di gemme. Pur nondimeno
con tanti ornamenti si rimanea bella. Lun-
gaschiera di cicisbei le facevano corteggio;
quale innanzi, e quale dopo, portando tut-
ti invidia a coiui, ch’era innalzato alla di-
gnità di bracciere : e tra questi vedeasi an-
dare in sulla vita un profumato settuagena-
rio con una sottil canna d’ India nell’ una
mano, e un pajo di guanti neli’altra, che
la Dama cortese gli avea dati a custodire.

Ora la cosa fu ordinata i,n modo, che
le tre Dame entrarono nel tempio, tosto

che
loading ...