Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 239
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0247
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0247
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I

C 1 T E R A. Z3g

che le varie nazioni potevano esser discor-
di e in guerra tra loro, quanto agli ogget-
ti dell’anibizione, passione fabbricata in gran
parte dalla fantasia degli uomini ; ma esser
doveano concordi ed unite nei sistemi del
piacere, sentimento infuso dalla natura nei
cuore di ognuno, e che è il legame e 1’
anima dell’universo ; volere il Dio pacifi-
care il mondo : dover esse dal canto loro
cooperare a un tanto bene, esponendo fe~
delmente la varietà delle opinioni, che te-
nevano in Europa divisi gli animi, e corx
rassegnazione poi ascoltando i voleri del
Dio : dall’autorità di chi avea convocato
quel congresso potersi presentire, che non
avea, come tant’altri, ad essere infruttuo-
so; dall’aspetto poi, e dai modi delle Am-
basciatrici, che per esso erano state pre-
scelte, potersi chiaramente conoscere, quan-
ta. nelle trenazioni, che abitano il bel pae-
se di Francia d’Inghilterra e d’Italia, fos-
se la cura del proprio onore, e la finezza
del giudicio.

A tali parole sentirono le Dame ne’loro
petti un’agitazione forse non minore à quel-
la, che le tre Dee già sentirono nelle val-

li
loading ...