Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 270
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0278
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0278
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ZjO' CoNGRESS 6

vero , trattano l’ombre , come cosa salda ?
se non perchè non hanno mai gustato il
dolce , che è dato di gustare a chi ha sor->
tito queli’abito gentile, che dal bello eter-
no viene infuso nell’anima, e che merita
egli solo d’amore il nome , siccome queì-
lo , che dalle basse cose partendoci, e in
alto levandoci

A noi mostra la via, che al ciel conduce .

Qui pose Hne madonna Beatrice alla sua
arringa , durante la quale avea riso più di
una volta dietro al ventagiio , non senza
fare di molti atti e storcimenti, Madama
di Jasy ; e Milady Gravely trovavasi tut-
tavia in quella attitudine , che si era po-
sta alla Hne del suo discorso .

Amore dal suo trono alzò alquanto la
jnano destra : e tutti intesero quello , che
per tal cenno egli significare volea. Onde
le tre dame , ch’erauo già in piè, si tras^
sero dalla lungi in disparte : e allora due
amoiùni gittarono sopia un’ara alcuni gra-
ni della più eletta gomma, che distilla da-
gli alberi di Citera ; la quaie alzandosi h>.
densà nuyoletta empiè il tempio di soavis»

v simo
loading ...