Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 278
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0286
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0286
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
CONGRESSO

di un tempo fa; e a quello attienti, che
sente a’giorni suoi ogni gentil persona.

Cerca sopra tutto d’intrattenere la don-
na tua con piacevoli novellette, e con ar-
guti motti. Fa di essere amabile, se vuoi
esser amato; piaci, e avrai persuaso. Poco
s’intende d’amore, chi con la sua donna
parla sempre d’amore. L’importanza è, che
tu sappia renderti necessario all’intratteni-
mento suo: allora non potrà a raeno, sem-
prechè ella si troverà sola, di avere a te
il pensiero: e purchè ella di te pensi; non
fa nulla, checchè ella si pensi.

Quando poi tu ti accorgi, anzi tu sia cer-
to, ch’ella non possa sare senza di te, tro-
va un qualche pretesto di doverti allonta-
nare da essa per breve tempo, mostrando,
che niente potea sopraggiugnerti di più si-
nistro , che niente uguagliar potrebbe il
tuo clolore. Yentila l’amorosa iiamma una
breve lontananza, come una lunga la s^re-
gne. Ancora dei gittare alcun motto, ond’
ella possa comprendere, che fmalmente non
è al mondo sola, e che pur ci sarebbe al-
tra donna, a cui potresti volgere il cuore.
Sappi gentilmente irritarla; e fa in modo,

che
loading ...