Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 295
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0303
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0303
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I A M O R t.

llto vezzo d’Amore, che con certo mistero
ama di condire ogni cosa ; ond’ egli si fosso
jjroposto, che non fosse bisogno di raeno
industria, a potere intendere la sua volon-
tà, che ad ottenere i suoi favori. Ma let-
to che fu da alcuni pochi giudiciosi uomi-
ni quello scritto, chiaro apparl, come tali
disficoltà non in mistero alcuno, o altra si-
mil cosa aveano radice ; ma un artifìcio era-
no clello storico, o piuttosto un effetto del-
ia rnala sua coscienza : il quale sapenclo aver
molte cose alterate neìla verità della storia,
e contro ad essa averne molte altre asseri-
to, non poteva risolversi, e non gli basta-
va Tanimo di sostenere la luce aperta del
giorno; a guisa di quelle belle, che si pon-
gon sempre contro lume * o dietro al para-
yento e alle cortine del letto fannosi sola-
mente vedere ai conlidenti loro ed agli.
amici.

Finalmente, fattasi pubblica quella storia,
e forse malgrado l’autor suo, apparvero £
difetti tutti ond’era piena. Grandissimi fu-
rono i romori, che contro acl essa si leva-
rono per tutta Europa: e ne furono singo-
larmente ofsese tre dame, che ne sono tan-

T 4
loading ...