Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 315
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0323
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0323
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I AmOBlE, 3i5

Vòli matrone d’Italia; che sarà convocato,
quando siamestieri, sulla destra sponda del
Sorga.

Così pronunziò il Dio, il quale soggiun-
se per altro, doversi in parte scusare lo
Storico 5 se non era in tutto stato fedele 5
perchè quanto egli scrisse fu solo quel tan-
to, che del regno d'amore nella sua njen*
te potè far tesoro. Ma quello, che uom
vede, ed ode di quel regno, non sa poi
nè può appieno ridire:

Perchè appressando sè al suo disìre,
Vostro intelletto si profonda tanto ,

Che retro la memoria non può ire.

Del rimanente assicurò Erotico, e glì
commise di assicurare il mondo, dove sa-*
rebhe presto a universal beneficio venuta
in luce una storia fedele di quel Congres-
so, di cui ciascuna pagina sarebbe stata cob
lazionata coll’autografo da pubblico notajoj
e il tutto saria stato corredato da un volu-
me in foglio di prove autentiche e di ori-
ginali documenti.

Terminata la sua commissione si aspet-
tava Erotico di essere inyiato da qualche

beìlo
loading ...