Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 333
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0341
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0341
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
'StEFAN'O Pallavicini. SSS
sìone del Pallavicini è un breve trattato
della educazione de’figìiuoli dei chiarissimo
Looke. E ben si può dire, che ìe ragioni
del Filosofo egii le lumeggia con di bei
tocchi di fantasia; e parecchie rolte rac-
chiude in pochi versi, e preme il succo
di qùelio ch’era diffuso per ben due o tre
sogli di prosa, Questa opera, benchè non
£nita, può nondimeno essere altrui di mo’
dello, come è l’intenzione e lo schizzo di
nn maestro.

Agli studj delle ìettere il Pallavicini fram-
mise ìe cure degli afsari, allorachè col ti»
tolo di segretario accompagnò il conte di
Lagnasco in due legazioni, l’una a Ronia
e l’altra a Yienna, dove per la discrezion
sua si acquistò non picciola lode. Ed è opi-
nione, ch’ei potesse gir più oltre in qiie»
sta strada, che sì avidamente desidera di
tenere l’ambizion delì’uomo. Se non cho

egli

te XI. fatta dal Guidì, e le nozze di Aconzio
e di Cidippe, che monsignor Forteguerri tra-
sportò in versetti sciolti dalla beìlissima poesia
in prosa, come egli la chiama, di Àristeneto.

Vedi il tomo VIII. delle rime degli Arcadi,
loading ...