Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 341
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0349
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0349
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N T R 0 D U Z 1 O N E
ALLA NEREIDOLOGIA

*o*

j\-ssAi volte ho io meco medesimo nors
senza grave noja considerato, come dagli
scrittori di questa nostra età poco o nien-
te si avverta a queli’aurea senrenza dell’ar»
gutissimo poeta:

Turpe est difsiciles habere nugas s
Tt stultus labor est ineptiarum,

che pur dovrebbono avere profondament©
impressa e scolpita dentro alla mente. E
di vero non si perderebbono, se ci avesse-
ro la debita avvertenza, dietro a ricerche
vane e disutili, come fan tuttodì, raa sì
l’opera porrebbono e lo studio in cose da
render l’uomo veramente dotto, per con-
seguente migliore, da eccitar maraviglia non
solo, ma gratitudine eziandio cosi nei leg-
gitori de’tempi presenti, corae in queìli de’
tempi avvenire. Chi è mai per Fonore del-
!e buone lettere così addormentato e fred-

Y 3 do.
loading ...