Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 6) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-6]

Seite: 394
DOI Seite: 10.11588/diglit.28025#0404
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd6/0404
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
e cTie l’amor proprio negli autorx è assai pii
irritabile ciie non è ardente in esso loro il de-
siderio di conseguire il vero . Ma con grandis-
simo mio piacere ho veduto a px-ova, che beu
a ragione egli può dire altro diletto che im-
parar non trovo .

Appena ebbe egli finito di leggere quelle os-
servazioni, che rivoltosi a me , Axnico, disse ,
ben veggo che questo scritto viene da mano
xuaestra . Me fortunato se aver potessi un tan-
to autore nelle mie satiche compagno ! L’ope-
ra da xne intrapresa è di sua natura enciclope-
dica, e del numero di quelle che lo studio ri-
chiedono e l’opera d’un’intera accademia . Co-
namur tenues grandia . E però non è xnara-
viglia se parecchie quistioni anche delle più es-
senziali furono da me omesse nel trattare lo
importantissimo ai'gomento della Nereidologia.
lo poti'ei dirvi che ciò fu per lo studio della
brevità , della quale pur sapete quanto io sia
studioso e sollecito . Ma vaglia il vero elle mi
sfuggirono , parte perchè due soli occhi non ba-
stano a vedere ogni cosa, e parte perchè i miei
non sono altrimenti di veduta lincea . Ma ben

VI
loading ...