Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 6
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0014
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0014
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
6 Pensiert

vita come il celebre la-Fontaine, il quale
qier riraediare al male di che era cagione
il suo libro delle Novelle, faceva distribui-
re a’poveri il denaro che si ricavava dalla
vendita di quello.

Quello che si sa della notomia è troppo
picciola cosa, perchè altri possa sperare di
guarir le malattie del corpo uraano, le qua-
li hanno la origine loro in parti dilicatissi-
rae, di cui per niente non conosciamo la
struttura, e che sfuggono a tutta la isqui-
sitezza dei mici'oscopj. Un medico che sul-
1 a scienza della notomia volesse fondar le
sue cure, sarebbe come quel capitano, che
regolare intendesse sue marce sopra le or-
dinarie carte geografiche, che mostrano co*
si in generale Fandamento de’monti e dei
Jfiumi, e dove non sono descritte quelle pic-
ciole paludi quei rigagnoli quei fondi e quel-
le alture, da cui dipende la somma della
guerra.

In ogni tempo amò l’uomo le citazioni
anche le più inutili, come se assai più che
dello ingegno si pregiasse della memoria.
Colui che scrisse la guerra di Cesare in
Isjiagna (e non era già un gofso) si fa bel-

lo
loading ...