Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 17
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0025
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0025
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DIVERSI. I rj

Marco Tullio Cicerone , che scrivendo
alTamico suo Attico faceva la satira di quel
Pompeo, di cui avea pronunziato il pane-
girico dinanzi al popolo romano , non è
egli un simbolo di quello che sogliono fa-
re gli uomini tutto di ?

Buona parte della felicità nostra sta nel-
la distrazione da noi medesimi.

I progressi che T uomo fa nelle arti ,
che è uno accostarsi alla perfezione, po-
trebbono essere assai acconciainente espres-
si dalle ordinate della iperbole o di qualun-
que altra curva, che va a un assintoto :
e i tempi che uno vi spende nel fargli,
verrannò ad essere espressi dalle abscisse
della medesima curva. Da principio essa
si serra rapidamente addosso alassintoto ;
ma in progresso corre un lunghissimo spa-
zio prima di accostaryisi quant’è un tanti-
no , e non arriva a toccarlo , \se non in
un tempo infinito .

Bacone di Yerulamio avrebbe voluto per
V aumento delle scienze, che tra le varie
università disperse qua e là in Europa sta-
ta ci fosse una più stretta unione, che
tra loro non ci è . Essendo pur Domened-
To: VII. B dio
loading ...