Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 21
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0029
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0029
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DIVERSI. 2-1

mettesse a studiare la scienza de’projetti,
e le proprietà della parabola?

Chi non sa viver soio, morirà in compa-
gnia .

Una delle più forti riprove, che abbia
dato un cittadino del suo amore verso la
patria, è i’argomento che fa un iilustre ve-
xonese, a mostrar che Vitruvio era nato
in Verona.

II gusto di Rubens, che non era nato
sotto cielo di aria fina, si manifesta anco~
ra nel libro ch’ei diede fuori dei palagj d’
Italia. Avendo visto le fabbriche di Giulio
Piomano in Mantova, quelle di Bramante
e del Peruzzi in Pioma, ed altre di simi-
glianti maestri in varie parti d'ltalia, si
avvisò di disegnare e di dare al pubblico
i palazzi di Genova.

Una prova della forza, che ha in noi il
latte della nutrice, non potrebbe egli es-
sere ciò che motteggiando diceva. Micheia-
gnolo : non esser maraviglia, che cotanto
dello scarpello dilettato si fosse; mentre la
balia sua fu figlia d’uno scarpelli.no, e si-
milmente in uno scarpellino maritata?

jSFon saria malfatto, che i nostri maestri
B 3 di
loading ...