Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 30
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0038
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0038
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
So Pensieri

La noja è forse il maggior male che sia
uscito del yasello di Pandora. II mercante,
benchè arricchito_, seguita a beccarsi il cer-
yello nel traffìco, perchè altrimenti non
saprebbe come menar ]a yita. Per fuggir
principalmente la noja, la maggior parte
degli amanti sosfrono il duro servigio e su-
perba fasddia di madonna; il giocatore ri-
sica ogni giorno le proprie sostanze; nè per
altro che per fuggir la noja, sogliono proji-
cere animam gFInglesi.

Dicasi ad un uomo del più mezzano in-
gegno, che un’artiglieria sparata obbliqua-
inente contra un muro non vi farà che una
leggieri impressione, e che la medesima
artiglieria posta un po’più lontana dal mu-
ro, ma sparata dirittamente vi farà breccia;
non avrà nulla cla dire in contrario : dica-
si al medesimo uomo, che per una simile
rasrione il sole ci scalda meno l’inverno che
la state, benchè Ia state sia più lontano da
noi che non è l’inverno per due milioni
e mezzo di miglia; egli si farà besse di chi
gliel dirà. Ognuno vede tutto di il remo
rotto nell’acqua, e non se ne maraviglia
punto; ben farà le marayiglie, chi gli di-

ces-
loading ...