Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 41
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0049
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0049
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D • I V E ft S I. 4i

Cetera de genere hoc, adeo sunt multa s
loquacem

Delassare valent Fabium.

Non fu egli avvertito con verissima ra~
gione, non ci esser pazzia cosi solenne, che
non l’ahbia detta un qualche hlosofo?

II suGchiar le ferite, del che ci erano
anticamente uomini prezzolati , che ne fa-
cean mestiero , detti psilli ; anzi il sempli-
ce sorbire che uno fa delle cose liquide
era un bastante indizio , senza che vi fos-
se hisogno delle sperienze del Torricelli ,
-del peso dell’aria: e gli efsetti della ilebo-
toinia erano, senza le osservazioni dell’Har-
veo , un bastante indizio della circolazione
del sangue ,

La cura importantissima della nostra edu-
cazione negli anni primi è cornmessa alle
donne ; ai vecchj timidi per natura , e il
più delle volte haccati della persona, si
suol dare il comando degli eserciti ; e nel-
le navi da guerra Taffare dilicatissimo di
portar la polvere sopra coverta è affidato
ai ragazzi.

La frequenza dei pensieri fa quel mede-

simo
loading ...