Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 45
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0053
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0053
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DIVERSI. /j5

tolto lo stato . Si mostrò con Fesercito a
Clemente YII. assediato in Castel s. Ange-
lo, e cia che fu sicuro di eSserne stato ve-
duto , si ritirò » La più gran vendetta ò
quella, che dei Portoghesi prese Magaglia-
nes, che primo tra gli uomini ne assicu-
rò con vera esperienza della rotondità deL
ia terra. Entrato a’servigi della Spagna na-
vigò per l’ occidente alle Indie orientali
per togliere ai Portoghesi la proprietà e il
ricco trafHco delle Molucche, alle quali
il suo valore apri una nuova strada , elu-
dendo la Bolla di Alessandro VI. , che,
tirata sul globo quella tanto famosa meri-
diana, divideva tra la Spagna e il Porto-
gallo Poccidente e Poriente. La più nobi-
le vendetta, è quella che prese Andrea
Doria di Francesco I. che avea male rico-
nosciuto i suoi seryigi ; e fu di liberar la
patria dal giogo de’ Francesi, e restituirla
a libertà , quando se rie poteva far prin-
cipe.

Con lo spirito creano le donne nel cuor
deil’uomo assai più forti passioni, che con
la bejlezza . Colei che fece perdere a Mar-
cantdnio Pimperio del mondo, in quarito

iin-
loading ...