Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 56
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0064
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0064
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
56 Pensier-i

Ii Piedi, fatta una mano di belle osser-
vazioni, era arrivato a conchiudere, che
non vi ha generazione d’insetti la dove pri-
nia non ci sia uovo. A tutti è noto l’es-
perimento della carne chiusa ermeticamen-
te in uii Hasco di vetro. Plla ebbe un bel
marcire; non fece vermi di sorta alcuna,
perchè agl’insetti chiusa era la via da po-
ter depor l’ uova sulla carne medesima,
quando incominciava a corrompersi: quin-
di amarameute derisa la vecchia opinione
della generazione ex putri. Ma ecco il Need-
liam, il quale prende del sugo tutto bol-
lente di carne arrosta, e lo chiude erme-
ticamente in una boccia. Dopo averlo la-
sciato per quindici di esposto all’occhio del
sole, si mette a diligentemente osservarlo,
e lo trova tutto coperto di animaletti mi-
croscopici ; con che si viene a riinettere
in piedi la generazione ex putri. Ogni co-
sa è ora piena di animaletti o di moleco-
le organiche, le quali non altro aspettano
che la dissoluzione del continuo per muo-
versi ognuna da sè, e fare anch’esse la lo
ro coraparsa nel mondo. E pare che i nu-
croscopj savoriscano presentemente la lilo-»

sofia
loading ...