Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 65
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0073
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0073
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DlVERSIc, 65

Del destia non vi lagnate ,

Se vi rese a noi soggette :

Siete serve , ma regnate
Nelia vostra servità .

Forti noi , voi helLe siete ;

E vincete in ogni irnpresa s
Qnando vengono a contesa
La hellezza e ia vinà .

Basta clir che sono amante,

Per saper che ho già nel petto
Questo harharo sospetto ,

Che avvelena ogni piacer ;

Che ha cent' occhi e pur travede ,

Finge il male , il hen non crede P
E clipinge sul semhiante
I deliri del pensier .

i

Assetti , non turhate
La pace del mio cor ;

Sia vostra scelta, o sia.

L' oprar necessità.

Perchè rei vi credete ,

Se liheri non siete ?

Perche non vi cangiate 9
Se avete libertà 2

To: YII, E Sogna
loading ...