Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 67
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0075
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0075
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
di'VeRSI. bs

JPlacicla al scl riposa ,

O sta tra V erbe e i fiori
La pigra serpe ascosa ,

Se non la preme il piede
Di ninfa o di pastor ;

Ma se calcar si sente ,

A vendicarsi aspira ,

E sa V acuto clente
II suo veleno e V ira
Tutto richiarna allor s

<e tante altre che vanno per le bocché cli
tutti . Ouinault , il Metastasio francese,
ebbe anch’egli in vita di gran detrattori.
Boileau ne è alla testa . Fainoso è il verso

La raison clit Virgile, et la rirne Quinault.

Metastasio superiore al Quinaidt ha dei de-
trattori inferiori d’assai al Satirico france-
se. Gii appongono in materia di stile una
qualche espressione, uua qualche paroiuz-
za cpia e là. Poveri di spirito, che giucli-
eano non dal tutto, ma da una picciola
parte. Paolo veronese, che pur siede tra’
principi deila pittura, non va esente da qual-
che errore di disegno : e quanti errori di

E 2, lin-
loading ...