Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 71
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0079
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0079
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I V E R S I i

71

Lo ministro maggior della natura,

Che clel valor clel cielo il mondo impronta,
E col suo lume il tempo ne misura ;

del glorioso corpo del sole, in cui pose Id~
dio il suo tabernacolo, se ne fa la rnagion
del pianto, e il soggetto della eterna di-
sperazione.

Tra i molti vantaggi che ha un eserci-
to, il quale abbondi di cavalleria leggieri,
ha ancor quello importantissimo, che da’
Banchi e da fronte coperto da essa può
nascondere al nemico qualunque suo mo-
vimento; marcia alle battaglie come gli dei
cli OraerOj inyolto in una nuvola ai mor-
tali invisibile.

In molte cose convengono i Turchi co’
Piomani. Della religione sono osservantissb
mi : a tutti è aperta la strada per salire
agli onori primi: hanno in mira Pimperio
del monclo, di cui hanno occupato buona
parte; tengono gl’Infedeli come gente na-
ta per servire a’Mussulmani: i loro Tima-
ri sorio quasi come le antiche colonie : P
arte loro è propriamente la rnilizia: sanno
le guerre corte e grosse: fanno una guer-

E 4 ra
loading ...