Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
92 pENSlEHl

le niostre di drappi, come i principi della
Grecia a’tempi di Omero viaggiavano con
dei carichi di ferro e di vino .

L’animale che ha forse l’udito più hno
di qualunque altro, èlabalena; ed è quel-
lo s in cui r organo dell’udito è più difjfi-
cile da scuoprirsi che in qualunque altro »

Varj furono i sisterni immaginati dagli
antiquarj, per ispiegare l'uso di quei fori
o sieno cicatrici, che si osseryano in Ro-
ma negli edifìzj antichi. La spiegazione più
naturale si è, che accanto a quegli edifizj
vi si fabbricò ne’tempi medj, come dentro
alie arene di Nimes vi si vede tuttaviar
una marmaglia di casupole fatte a’tempi de’
Saraceni : e quei fori non sono altro che
l’impostatura delle teste delle travi che di-
videvano i solari, o sostentavano i tetti di
quelle catapecchie, che la miseria de’tem-
pi barbari innalzava a ridosso della magni-
ficenza romana.

Gli uornini grandi stanno ristretti e ehiu-
si dinanzi alla volgar gente, e non cornu-
nicano i loro pensieri che con altri uoini-
ni grandi: simili al mercurio, il quale non
umetta se non le sostanze metalliche, e 1

oro
loading ...