Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 101
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0109
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0109
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ss I V fr S S 1. 1 o 'js

corne Yenezia il gr>ande urfo della lega di
Cambray ; ed essa drede iL nome di padre
delkt patria ad un ricchiss-imo suo mercan-
te ^ che la abbelli la protesse ,• e richia^-
mò in Italia le arti e le lettere fuggitiye
innanzi alla barbarie de’Turchi.

I Portoghesi superato dipoi il Capo , fu-
rono i primi ad estender direttamente nell
Asia il commercio degli Europei. Que’ric-
chi cambj con le spezierie ed altre prezio-
sità asiatiche , che si faceano una volta da’
Veneziani ne’porti del Mediterraneo , si
feeero da’ Portoghesi ne’porti inedesimi del-
le Intlie orientali ; e gli Spagnuoli disco-
perta quasi nel inedesimo tempo con ia
scorta del Colombo l’ America , ne riporta-
rono di qua dal mare l’ argento l’ oro la
cocciniglia il cacao , e coprirono di navi
quel mare che era prima soiitario, e non.
avea sentito navigazione alcuna . Tra i Por-
toghesi e gli Spagnuoli fu allora drviso per
piceiol tempo 1’ imperio del auare , 1’ ocpi-
clente e I’ oriente .

Da tre secoli in qua la navigazione che
fanno gli abitanti delì’Europa, è cresciuta
a dismisura; del che fu appunto cagione

Cs 3 ia
loading ...